MAURO FEBBO: INVITO DI PRIMIO A INVIARE LE CARTE ALLA CORTE DEI CONTI

febbo11L’assessore regionale e attuale coordinatore provinciale del PDL, Mauro Febbo, interviene in merito alla relazione formulata dagli Ispettori della Ragioneria Generale sulla gestione del Comune di Chieti. “Mi sembra davvero strano il j’accuse del Pd verso il sindaco di Di Primio con un’analisi critica che arriva addirittura all’amministrazione guidata da Nicola Cucullo (sic!!!). Ma basta leggere attentamente le 146 pagine della relazione firmata dai due ispettori del MEF, iniziata l’11/07/2011 e conclusa il 05/08/2011, per capire che copre principalmente il periodo 2006-2010 e solo marginalmente, cioè fino a giugno, l’anno 2011. E’ bene sottolineare che il contro consuntivo 2011 non è stato ancora approvato e il termine scade il 30 giungo 2012. E’ chiaro quindi che la giunta Di Primio è coinvolta solo marginalmente in questa analisi e solo chi non vuole vederlo può dichiarare il contrario. Le dichiarazioni dei rappresentanti del PD quindi vengono smentite clamorosamente. Dalla lettura attenta, e non strumentale, delle 146 pagine della relazione si può invece constatare quelli che sono stati gli effetti prodotti dal malgoverno dal Sindaco Ricci, dalla sua Giunta, e dal centrosinistra. Infatti  se si considerano le questioni di bilancio si evidenziano 7 punti fondamentali:

1)  Impropria applicazione dell’avanzo di amministrazione : (al Bilancio 2007);

2)   Anomalie varie nella gestione dei servizi in conto terzi : ( Partite di Giro Periodo fino al 2009);

3)  Necessità di effettuare un analitico accertamento dei residui : ( esigenza indicata dai Revisori nelle relazioni del quinquennio 2006-2010 v. pag. 40 Relazione MEF);

4)   Sistematico ritardo nell’approvazione del Rendiconto : ( tutto il periodo 2006-2010);

5)   Significativi disavanzi di cassa ( complessivi e di parte corrente ) e grave deficit di liquidità : (drastica riduzione del fondo di cassa a partire dal 2007 fino al 2010 v. Relazione MEF  pag.44 più eloquente la tab. n. 31 a pag. 54 della Relazione che prende a riferimento il dato di cassa 2005 al 2009 e si legge in  commento “ Questi dati spiegano in modo esauriente la dinamica finanziaria dell’Ente…..” “Questa gestione, pertanto, ha inciso in maniera notevole sulla liquidità dell’Ente, fino a portare all’attuale deficit di liquidità”. e a pag. 56 si legge con riferimento 2006-2009 “ Da quanto sopra esposto, appare evidente l’utilizzo di risorse incassate da destinare al pagamento degli investimenti, che, al momento,invece, risultano utilizzate per il pagamento di spese correnti e non reintegrate” con le riscossioni della parte corrente.);

6)   Criticità varie nella Gestione dell’Indebitamento : ( che nella tabella n. 33 a pag. 56 viene portato da 74.253.544 euro del 2006 a 97.453.716 euro del 2009 con aumento di oneri per il rimborso, gravanti sulla spesa corrente, passati da 4.614.345 euro  nel 2006 a 8.575.543 euro nel 2009. Ciò ha determinato che “la capacità di indebitamento dell’Ente è pressoché esaurita”);

7)  Illegittimo ricorso a risorse provenienti da mutui per il Bilancio 2011 (peraltro mutuo mai assunto!!!).

Per quanto riguarda la gestione del personale invece, si evidenziano i seguenti rilievi:

A)    Anomalie varie nella costituzione del fondo per lo sviluppo delle risorse umane : (Anni fino al 2008 con prescrizione di recupero di somme ai dipendenti );

B)     Gravi criticità nello svolgimento delle progressioni economiche orizzontali :  (Anni 2006 – 2010);

C)     Attribuzione generalizzata dei compensi di produttività : ( Anni 2004-2010);

D)    Illegittima erogazione di compensi a carattere indennitario non previsti dalla legge o attribuiti in difformità : ( Anni 2005 fino al 2010 è previsto il recupero della somma );

E)     Illegittimo incremento delle risorse per il trattamento accessorio del personale con qualifica dirigenziale : (Anni 2005 – 2009)

F)       Illegittima rideterminazione in via retroattiva, nel corso del 2006, della retribuzione di posizione dei dirigenti : ( Anno 2006);

G)    Superamento del limite previsto dalla normativa regolamentare interna per il conferimento di incarichi di Direttore Generale e Dirigenziali a tempo determinato : ( Anno 2006-2009 );

H)    Anomalia del trattamento retributivo accessorio al Segretario Generale : (Anno 2007 e segg.).

Non solo, ci sono anche altri aspetti contenuto nella relazione che furono sistematicamente denunciati dell’allora opposizione de centrodestra e dall’alloracapogruppo Di Primio e che riguardano la gestione del Teatro Marrucino, dell’Azienda Speciale Municipalizzata e della Teateservizi. Il suggerimento che voglio dare all’amico Umberto Di Primio è quello di non inviare le memorie difensive al MEF ma di inviare la relazione alla Corte dei Conti così sarà lo stesso organo di giustizia contabile a trarre le giuste considerazioni e a giudicare l’operato della Giunta Ricci. Se il giudizio è lo stesso che hanno dato i cittadini di Chieti ne vedremo delle belle”.